interviste,  articoli, approfondimenti interviste,  articoli, approfondimenti recensioni, segnalazioni, novita editoriali Tutti i link della filosofia dizionario dei filosofi seminari, presentazioni,  convegni
by google
www giornale di filosofia
scrivici Chi siamo / info news letter link non attivo
La parte dell'osservatore
Tra psicologia dell'arte e fenomenologia della percezione

di Martino Feyles

Qual è il ruolo del fruitore nell’esperienza estetica? In questo saggio questo problema classico dell’estetica viene affrontato in una prospettiva nuova, tenendo conto dell’importanza sempre crescente delle immagini interattive nella società contemporanea. Per cogliere la specificità dei nuovi dispositivi di produzione delle immagini è necessario distinguere l’interattività dalla cooperazione interpretativa che è richiesta per la comprensione delle immagini più tradizionali.  Il rapporto tra spettatore e immagine viene qui analizzato facendo riferimento a due autori apparentemente molto lontani tra loro, Husserl e Gombrich. 

Hilary Putnam e il "necrologio dell'ontologia"
di Filippo Gonnelli

In questo saggio prendo in esame il testo di Putnam del 2004, Ethics without Ontology. Esamino in primo luogo la tesi del «relativismo concettuale» e gli argomenti con cui Putnam respinge il «pluralismo concettuale» nel quale secondo alcuni critici il primo ricadrebbe. Sostengo che l’unica obiezione possibile non è quella del «pluralismo concettuale» ma quella della irriducibilità delle proprietà naturali del linguaggio, che costituiscono la condizione di possibilità dell’uso putnamiano della mereologia. In secondo luogo, esamino le tesi più propriamente etiche esposte da Putnam. Qui obietto alle tesi di Putnam che l’etica in generale, e la sua proposta di «etica della compassione» in particolare, hanno bisogno di impegno ontologico non convenzionale almeno riguardo a certe proprietà degli esseri umani.

Dal riduzionismo alla complessità
La “scala del diavolo” tra arte e matematica

di Rosa Maria Marafioti

Il mutamento epistemologico che segue alla “crisi dei fondamenti” di fine ’800 inaugura un fecondo dialogo tra la scienza e l’arte, finalizzato a una descrizione globale della realtà. Prendendo le distanze dal riduzionismo della scienza classica Mandelbrot definisce le forme naturali come “frattali” dotati di una struttura che, ripetendosi identica su scala differente all’infinito, può essere raffigurata soltanto analogicamente nell’arte. Tra gli artisti che hanno reso intuitivi i principi della scienza contemporanea vi sono Escher e Ligeti, che adotta come criterio di sviluppo del discorso musicale una “forma mobile” risultante dalle variazioni metrico-timbrico-dinamiche dell’idea iniziale. L’influenza esercitata su di lui da Mandelbrot culmina nello studio per pianoforte L’escalier du diable, la cui forma presenta una struttura analoga a quella dell’omonimo frattale.

Dire il controvertibile
Una riflessione sull'intero e sui domini della molteplicità

di Stefano Maschietti

Le pagine che seguono sono un esercizio di filosofia speculativa e si interrogano sulla questione dei primi principi dell'essere e del pensiero. Si occupano cioè della questione dell'intero, del suo senso e delle sue possibili manifestazioni. «Essere» e «pensiero» sono due parole della tradizione metafisica dall'ampiezza semantica virtualmente illimitata. Tutto ciò che accade e irrompe nella «sfera» del linguaggio, a partire dall'idea-metafora, vedremo quanto ricorrente, dell'«accadere» e dell'«irrompere», tutto ciò è rappresentabile e metaforizzabile, quindi oggetto di possibile pensiero e conoscenza. Allo stesso modo, tutto ciò che è rappresentabile (ad es. «l'araba fenice»), anche solo nella forma discorsiva della negazione (ad es. «Bin Ladin non è stato individuato»), in quanto sia linguisticamente signi-ficato, rientra nella sfera dell'essere reale e delle cose che divengono...

Nothing is part of Everything
di Paolo Valore

Extensional mereology, that is, a mereology without intensional operators (such as modal or temporal functions), mirrors, in many respects, set theory. What is missing in this reconstruction is the mereological analog of the empty set, which might be called “null object". Mereology, in its traditional formulation, avoids all reference to null objects and the reasons are, basically, ontological.

Yves Michaud, Insegnare l'arte? Analisi e riflessioni sull'insegnamento dell'arte nell'epoca postmoderna e contemporanea, Idea, 2010
segnalazione

L’arte ormai costituisce un discorso accessibile (e interessante) solo per gli addetti ai lavori e per i “cultori”: quel vasto “mondo dell’arte” che, a parere di chi scrive, stenta sempre di più a distinguersi dal mercato dell’arte.   

Elena Tavani, Hannah Arendt e lo spettacolo del mondo. Estetica e politica, manifestolibri, 2010
recensione

Con questo importante e bel libro Elena Tavani, che insegna Estetica all’“Orientale” di Napoli, fa un bilancio del suo dialogo ermeneutico con una delle maggiori pensatrici politiche (e probabilmente pensatrici tout court) del Novecento: Hannah Arendt.

Viviana Meschesi, Sistema e trasgressione. Logica e analogia in F. Rosenzweig, W. Benjamin ed E. Levinas, Mimesis, 2010
recensione

Anche il pensiero possiede una sua infanzia dotata di un proprio linguaggio. “Bambino” è quel pensiero che si affaccia su ciò che è nuovo, trasgredendo la consuetudine di ciò che è già noto: in tal caso l’intero sistema linguistico si serve di quei termini di cui già dispone per sporgersi sull’“oltre”. 

Leopardi e Galilei. Un programma di ricerca
di Antonio Di Meo
Questo saggio prende le mosse dalla necessità di una ricerca dettagliata e approfondita di quali fossero le reali ricorrenze nelle opere leopardiane dei pensieri dei principali protagonisti dell’origine e degli sviluppi delle scienze moderne, in particolare di quelli di Galileo Galilei
Un cammino nella filosofia trascendentale
di Marco Ivaldo
In queste pagine Marco Ivaldo intraprende una presentazione del proprio cammino filosofico, percorso prevalentamente entro l'orizzonte della filosofia trascendentale.
Il Dante di Giorgio Stabile tra Bruno Nardi e Alexandre Koyré
di Paolo Falzone
Il saggio affronta la questione del rapporto tra poesia e dottrina nella Commedia in riferimento all’insegnamento di Bruno Nardi, che per oltre un cinquantennio svolse sul pensiero dell’Alighieri ricerche di fondamentale importanza: proprio al suo insegnamento si richiama il volume curato da Giorgio Stabile, qui preso in esame

SEZIONE FILOSOFIA ITALIANA
 
gennaio 2012, M. Ponzi e D. Gentili (a cura di), Soglie. Per una nuova teoria dello spazio, Mimesis, pp. 316, euro 24
gennaio 2013 , R. Musil, "L'uomo senza qualità", a cura di M. Latini, trad. it. I. Castiglia, Newton Compton Editori, pp. 1152, euro 9,90
settembre 2011, L. Casini, Corporeità. La corporeità nelle Ergänzungen al Die Welt di Schopenhauer e altri scritti, a cura di V. Meschesi, Mimesis, pp. 139, euro 14
novembre 2010, G. Arrighi, Capitalismo e (dis)ordine mondiale, ManifestoLibri, pp. 232, euro 26
marzo 2011, A. Taraborrelli, Il cosmopolitismo contemporaneo, Laterza, pp. 142, euro 16
NOVITA EDITORIALI
Marinotti Edizioni
Franco Angeli Edizioni
Homolegens
Città aperta
Einaudi
Editori Laterza
Il Mulino
Donzelli Editore
Bibliopolis
Bompiani
CASE EDITRICI

 

Presentazione del libro di Joachim Ritter "Estetica e modernità", Marinotti Editori 2013
Presentazione del romanzo di R. Musil. "L’uomo senza qualità". Nuova edizione integrale.
VII Lezione magistrale CiEG
Günther Anders. L'uomo e la (sua) fine.
Archivio Quotidiani
Georges Didi-Hubermann
Ciò che vediamo, ciò che ci guarda
Massimiliano Borelli
Quei bagliori di luce nel genocidio culturale.
Georges Didi Huberman
Exposed Peoples
Isabella Mattazzi
Una allegoria politica rischiarata dalle lucciole. Intervista a Didi-Huberman
Hans Jonas
The Imperative of Responsability
Hans Jonas
L’etica della responsabilità
Nicola Russo
La biologia filosofica di Hans Jonas
David J. Levy
Hans Jonas. The Integrity of thinking
Archivio Quotidiani
Filosofia Politica
Cosmopolis
Syzetesis
Etica & Politica
INSR - Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento
AISS. Associazione Italiana di Studi Semiotici
Riflessioni
Diogene. Filosofare oggi
Archivio Quotidiani
Emilio Garroni
Gilles Deleuze
Jacques Derrida
Gottlob Frege
Baruch Spinoza
Franz Brentano
Emanuele Severino
Albert Camus
Maurice Merleau-Ponty
Georg Wilhelm Friedrich Hegel
Archivio Quotidiani
RSS 2.0RSS 2.0 - Home
www.giornaledifilosofia.net - rivista elettronica registrata - ISSN 1827-5834